Concattedrale di Bitonto

La cattedrale di Bitonto, dal 1986 propriamente concattedrale, nota anche come duomo di Bitonto, è dedicata a San Valentino.

Concattedrale di Bitonto

La cattedrale di Bitonto, dal 1986 propriamente concattedrale, nota anche come duomo di Bitonto, è dedicata a San Valentino.

Fu innalzata nel centro della città tra l’XI e il XII secolo. La costruzione, in stile romanico pugliese su modello della basilica di San Nicola di Bari, è considerata la più completa e matura espressione del romanico pugliese anche per il portale riccamente scolpito e per il rosone, il primo in Puglia con sovrarco sormontato da una sfinge e fiancheggiato da due leoni su colonnine pensili. Nella cripta è stato rinvenuto un mosaico raffigurante un grifone. La struttura doveva essere preceduta da un portico, come attestano i resti d’imposte d’archi sui piloni della facciata, ma in realtà non fu mai costruito. L’esistenza della diocesi di Bitonto, secondo le fonti scritte, risale al 1089, quando era guidata dal vescovo Arnolfo, ed è perdurata sino al 1986, quando è stata unita all’arcidiocesi di Bari. È sede della parrocchia di Santa Maria Assunta.

L’esterno della Cattedrale

La facciata, a salienti, si presenta tripartita da lesene per tutta l’altezza della navata centrale che idealmente delimitano. Ciascuna delle tre parti è dotata di un portale. Quello centrale, riccamente scolpito, presenta un doppio archivolto, ornato con figure animali e vegetali, su cui si erge un sovrarco, riccamente scolpito con foglie d’acanto e sormontato da un pellicano, uccello che, nella leggenda, offre il suo cuore ai figli affamati, e simboleggia pertanto la generosità della Chiesa. Il sovrarco è retto da una coppia di grifoni di pietra che tengono una preda fra gli artigli. Il tutto è a sua volta sostenuto da colonne, terminanti con capitello corinzio, poggianti su due leoni in pietra di dimensioni reali.

Nell’architrave sono scolpiti a bassorilievo, Annunciazione, Visitazione, Epifania, Presentazione di Gesù al Tempio. Nella lunetta infine è rappresentata, sempre in bassorilievo, un’Anastasis.

I restanti due portali sono più piccoli di quello centrale ma presentano entrambe stipiti ed architrave scolpiti e lunetta ad arco falcato. La lunetta del portale a sinistra di quello centrale è chiusa da una transenna.

Il registro superiore della facciata è incorniciato da archetti pensili ed è arricchito con quattro bifore: una nelle sezioni laterali mentre le altre due sono affiancate nella sezione centrale. Queste due sono adornate con due colonnine che sostengono il rispettivo sovrarco. Sulle bifore si erge un rosone a sedici bracci, inquadrato da un’edicola arcuata con sovrarco sormontato da una sfinge e sorretto dalle sculture di due leoni.

Il fianco meridionale, che si affaccia sulla piazza, presenta un loggiato formato da sei esafore, con colonnine e capitelli scolpiti con protomi (teste) umane tutte differenti tra loro. Sotto ogni esafora si apre una profonda arcata, chiusa da un finestrella ogivale, tranne l’ultima, che presenta un portale detto Porta della scomunica: da qui papa Gregorio IX scomunicò infatti Federico II accusandolo di essere sceso a patti con il sultano Al Kamil durante la crociata del 1227.[4] Sopra il portale si erge una monofora chiusa da transenna. Il fianco settentrionale differisce per la presenza, al posto delle esafore, di sei monofore disposte in modo simmetrico.

La copertura segue il profilo della facciata, sicché la navata centrale si trova delimitata nella parte alta da due pareti esterne. Queste ultime sono aperte da quattro monofore equidistanti, anch’esse chiuse da transenne, e coronate da archetti pensili. Le testate del transetto continuano idealmente le pareti della navata centrale. Le facciate presentano sulla parte superiore quattro bifore, le due in basso adornate con doppi archivolti. La testata meridionale differisce dall’altra per la presenza di un rosone, anch’esso, come quello della facciata, con sovrarco sormontato da una sfinge e retto da due grifoni ma meno scolpito e decorato. Al suo posto la testata settentrionale presenta un foro rotondo.

La zona absidale è chiusa da tre pareti: due che vanno ad unirsi con quella anteriore delle testate, e il muro posteriore. La parte settentrionale di queste pareti ingloba il campanile, più volte rimaneggiato (nel 1486-88 e nel 1630) e rifatto in tempi recenti. Una serie di arcate cieche, racchiuse due a due da un arco più ampio a mo’ di bifore, si aprono, in basso, nella parte posteriore della concattedrale: le pareti laterali contano tre coppie di arcate cieche, mentre il muro posteriore ne conta quattro, con le due interne separate da un’arcata singola. Sopra di essa si erge un gran finestrone con ornamento simile al portale principale: due leoni che sorreggono due colonne e, sui capitelli, due grifi che sorreggono un sovrarco riccamente scolpito. Più in alto compare un grande arco di tipo moresco.